Vogstyle Donna Scarpe Col Tacco Basso Piatto Casuali Comfort Pompe Espadrillas Scarpe Stile1 Rosa

B01G6FFLTM

Vogstyle Donna Scarpe Col Tacco Basso Piatto Casuali Comfort Pompe Espadrillas Scarpe Stile-1 Rosa

Vogstyle Donna Scarpe Col Tacco Basso Piatto Casuali Comfort Pompe Espadrillas Scarpe Stile-1 Rosa
  • Materiale esterno: Pelle
  • Chiusura: A strappo
  • Altezza tacco: 2 cm
  • Tipo di tacco: Senza tacco
  • Composizione materiale: finta pelle
Vogstyle Donna Scarpe Col Tacco Basso Piatto Casuali Comfort Pompe Espadrillas Scarpe Stile-1 Rosa Vogstyle Donna Scarpe Col Tacco Basso Piatto Casuali Comfort Pompe Espadrillas Scarpe Stile-1 Rosa Vogstyle Donna Scarpe Col Tacco Basso Piatto Casuali Comfort Pompe Espadrillas Scarpe Stile-1 Rosa Vogstyle Donna Scarpe Col Tacco Basso Piatto Casuali Comfort Pompe Espadrillas Scarpe Stile-1 Rosa Vogstyle Donna Scarpe Col Tacco Basso Piatto Casuali Comfort Pompe Espadrillas Scarpe Stile-1 Rosa

CLIMATIZZAZIONE

Marc Fisher, Sandali donna Dark Blue Leather

Pleaser, Sandali donna

Facebook è un copione?

Parliamoci chiaro, Facebook è all’avanguardia su molti aspetti: è leader mondiale nella ricerca sulla  realtà virtuale , è in prima linea sui  chatbot grazie a Messenger e sta facendo sperimentazione su altri temi come intelligenza artificiale  e nuovi  formati video .

Tuttavia, sulle aree più popolari, non solo sembra essere a corto di idee ma è come se fosse disposto a copiare palesemente la concorrenza.

Un caso piuttosto significativo è quello di  Flash  un vero e proprio “clone” di Snapchat ideato per i mercati emergenti come l’America Latina, dove la connettività è limitata e dove  Facebook può battere Snapchat  non ancora diffuso come in Nord America, insomma:  atto emulativo o strategia di penetrazione?

25 luglio 2017 Margherita Grassi

Reggio Emilia: il progetto nato un anno e mezzo fa per volontà del comitato dei residenti di via Roma sta coinvolgendo una ventina di migranti

REGGIO EMILIA –  I cittadini di  via Roma  vanno molto fieri, e a ragione, del loro orto, che poi è di tutti, perchè per loro stessa volontà l’hanno pensato senza recinzioni. Pomodori, zucchine, peperoni, con fiori per dare un tocco vivace, e menta, salvia e rosmarino, da un anno e mezzo crescono nel  Parco Santa Maria .
Le piante sono curate dai residenti, che hanno dato vita ad un comitato per organizzare questa e altre iniziative, e da alcuni richiedenti asilo che abitano nei dintorni e che i cittadini vedevano spesso sulle panchine del parco: “Ragazzi giovani, probabilmente desiderosi di fare qualcosa – ci dice Barbara Frattola – Ci siamo chiesti: possibile che non riusciamo a coinvolgerli?”.

Una grossa mano l’ha data il comune, in particolare l’assessore  Valeria Montanari  nell’ambito del progetto di rinascita dei quartieri. All’inizio hanno aderito 3 ragazzi del  Gambia , poi i migranti interessati sono diventati una ventina: sono originari del  Burkina Faso, della Guinea, della Costa d’Avorio . E’ un passatempo, ma non vuol dire che non sia fatto come si deve. Cittadini e migranti hanno seguito un corso per imparare a realizzare un’aiuola e alcune tecniche che vengono applicate, come la permacultura.

Reggio Emilia    Valeria Montanari    Cittadini    profughi    via Roma    richiedenti asilo    Parco SAnta Maria    comitato  

Titoli finanziari impazziti. Bolle speculative . Miliardi andati in fumo. Migliaia di posti di lavoro persi. Sono solo alcuni degli effetti della tristemente nota crisi economica globale del 2008. Da cui, ancora oggi, facciamo fatica a uscire. E che, a quanto pare, ha avuto conseguenze significative anche sulla nostra salute . Lo ha appena mostrato un’équipe di ricercatori dell’ Istituto nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti e il contrasto delle malattie della povertà ( Inmp ), che, analizzando un vasto database dell’ Istat , ha mostrato, per l’appunto, come a cavallo degli anni della crisi economica sia cambiata la salute (sia fisica che mentale) di italiani e immigrati che risiedono nel nostro paese. Il lavoro, coordinato da Alessio Petrelli , responsabile della struttura di epidemiologia dell’Inmp, e di cui sono coautori Anteo Di Napoli , Alessandra Rossi , Gianfranco Costanzo , Concetta Mirisola (Inmp) e Lidia Gargiulo (Istat), è stato pubblicato sull’ International Journal for Equity in Health .

“Gli effetti della recente crisi economica e finanziaria” , si legge nell’abstract, “hanno colpito soprattutto i gruppi sociali più vulnerabili. L’obiettivo di questo studio è di indagare le variazioni dello stato di salute percepito di italiani e immigrati durante la crisi economica globale, concentrandosi soprattutto sui fattori demografici e socioeconomici” . Per farlo, i ricercatori hanno attinto ai dati dell’ indagine Multiscopo dell’Istat, in particolare quelli relativi alle condizioni di salute e al ricorso ai servizi sanitari , raccolti con cadenza quinquennale dall’istituto mediante questionari somministrati a un campione di circa 120mila residenti nel nostro paese, sia italiani che immigrati, confrontando i risultati del 2005 (prima della crisi) con quelli del 2013.

«Non perché il tema "Detto Fatto" proposto dalla Diocesi non sia valido e bello ovviamente - ha spiegato Vittorio De Giacomo, guida laica all’oratorio - abbiamo preferito però personalizzare molto il messaggio per renderlo più nostro : i ragazzi sono coinvolti, si tratta infatti di costruire da zero un percorso, curarlo, seguirlo, si inventano attività particolari». Il principio di base è che  non si smette mai di fare catechismo : lo si veste solo in maniera diversa e più leggera, con tanto gioco e divertimento, il messaggio deve però essere sempre presente e chiaro.

E a Caino il lavoro certo non manca per Vittorio e per don Marco Domenighini: 170 ragazzi, dall’asilo alla terza media , 35 animatori e 60 volontari, tutti adeguatamente formati con corsi specifici tenuti durante l’anno in oratorio. Vittorio nel suo ruolo di guida laica, si occupa della gestione della struttura: «È estremamente coinvolgente racconta - certo  a volte far collaborare tra di loro gli adulti è quasi più difficile  che tenere i ragazzi». Perché quello della guida è in effetti una figura nuova, introdotta da poco, e come tutte le novità necessita tempo per essere adeguatamente accettata ed assimilata. Sempre presente è però  don Marco , che ha alle spalle anni da missionario in giro per il mondo: «Il nostro grest è una proposta ormai collaudata, è il centro della vita in oratorio con il catechismo».

ARTISTI PIÙ CLICCATI

TESTI PIÙ CLICCATI

TRADUZIONI PIÙ CLICCATE